09Lug/17

Il saluto a don Mario

Caro don Mario

siamo alla celebrazione eucaristica di saluto al termine del suo mandato come parroco in mezzo a noi.

La ringrazio a nome di tutta la comunità, (a nome di quel che resta del Consiglio Pastorale, della Caritas, del Circolo Noi dell’Oratorio, dell’associazione scout Soncino 1 e della San Vincenzo) per la premura pastorale che ci ha dimostrato.

Prudente amministratore non ha mai fatto un passo più lungo della gamba, ci ha accompagnato a seguire le scelte pastorali della diocesi chiedendo di concentrare i nostri sforzi nel cammino di iniziazione cristiana. Ancora oggi, dopo 9 anni di questa proposta non possiamo nasconderci che permangono delle resistenze

ma come buon pastore non ha dato ascolto al nostro “popolo di dura cervice” ma pazientemente e pacatamente è andato avanti a fare il bene.

Cosa resta di questi 20 anni passati insieme?

Qualcuno potrebbe rispondere: le strutture:

il centro pastorale san Benedetto ideato per rispondere al nuovo bisogno dell’iniziazione cristiana,

l’asilo parrocchiale completamente rammodernato,

la chiesa di san Pietro Martire completamente risanata

o il ciclo pittorico di san Giacomo riportato all’antico splendore

Ma non possiamo questa sera limitarci a ricordare le realtà esteriori di muratura che pure sono importanti nella vita quotidiana. Oggi vogliamo ringraziare il Signore per questo tempo di grazia che ci ha dato,

per 20 anni di presenza discreta e assidua: Lei, don Mario, non ha mai voluto i riflettori puntati sulla parrocchia e non si è mai concesso un giorno di vacanza.

vogliamo ringraziarla per 20 anni di gioie e consolazioni. La gioia di quando nasce una vita: tutti i ragazzi e le ragazze qui presenti sono stati battezzati da lei; la consolazione quando il dolore della morte fa vacillare le certezze della fede.

Vogliamo dunque ringraziare il Signore in questa eucarestia per tutto il bene che abbiamo ricevuto e contemporaneamente chiedere perdono per tutte le volte che le incomprensioni hanno bloccato nella nostra comunità l’azione dello Spirito.

Chiudo consegnandogli una citazione riguardo al futuro: Eleanor Roosvelt ha scritto:

Il futuro appartiene a coloro che credono nella bellezza dei propri sogni.

Don Mario,

non smetta di credere alla bellezza dei suoi sogni,

visto che tanti ne ha condivisi con noi, soprattutto in occasione dell’Epifania,

le chiediamo di non smettere di sognare.